OFFICINA

L’officina è stata attrezzata con apparecchiature e impianti per un moderno ed efficiente svolgimento delle lavorazioni meccaniche. Oltre al ponte dell’accettazione, l’officina dispone di quattro ponti a due colonne da 30 quintali e uno, sempre a due colonne, da 50 quintali, idoneo per i mezzi più pesanti e per quelli blindati; un altro ponte a forbice da 30 quintali e uno per l’assetto (KDS) completano la dotazione. L’impianto di distribuzione dei fluidi serve l’intera officina con postazioni dedicate e centralizzate: ciascuna coppia di ponti è dotata di una batteria di arrotolatori per aria compressa, acqua, olio “tipo1” e olio “tipo 2”; una postazione centralizzata baricentrica rispetto all’area di lavoro consente immissione di refrigerante e aspirazione di refrigerante e di olio (ovviamente su linee separate per consentire un corretto smaltimento).

La centrale di distribuzione dei fluidi è localizzata nei locali tecnici a disposizione dell’attività, che presentavano però un accesso dall’esterno disagevole per la movimentazione dei fusti di deposito. Per ovviare a tale limitazione strutturale, i serbatoi degli oli e del refrigerante sono stati collegati a una postazione esterna dove, mediante una pompa a immersione, è possibile riempire i fusti vuoti e svuotare quelli degli esausti direttamente dal piazzale esterno. Per garantire la salubrità dell’aria all’interno dell’officina, anche quando è necessario eseguire prove e/o lavorazioni con le autovetture in moto, è stato installato un impianto di aspirazione dei fumi di scarico, costituito da una canalina con rulli scorrevoli per i quattro ponti in fila e due arrotolatori fissi per gli altri ponti. Oltre agli impianti più prettamente dedicati alle lavorazioni, ne sono presenti altri per l’illuminazione e per le alimentazioni elettriche (con lampade portatili a filo e a batteria per ogni ponte) e uno per la ventilazione necessaria al ricambio dell’aria e di condizionamento per gli ambienti di accettazione e per gli uffici. Tutta l’officina è completata da un cablaggio strutturato per rete LAN e fonia, realizzato con tre prese RJ45 per ogni ponte e ogni postazione di lavoro. Il rispetto dell’ambiente e delle persone è un altro punto forte di questa creatura, ogni posto di lavoro ha il suo lavandino in acciaio inox (ovviamente) con due tipi di detergente (più o meno “attivo”) e un miscelatore acqua calda e fredda dedicato.

Il personale impiegato, oltre a patron Franco, alle figlie, Laura, la maggiore, in testa, consta di otto meccanici, accettatore e ATD compresi. Ovunque gigantografie di immagini di vetture da corsa, per ricordare il passato storico legato alle competizioni, ma anche per ricordare come le gare abbiano permesso di raggiungere livelli di conoscenza e di competenza assoluti per la sicurezza e il rispetto di persone e ambiente.